PayPal fuori dal progetto Libra: ecco svelato il motivo! ✔️

 PayPal fuori dal progetto Libra: ecco svelato il motivo! ✔️

Qualche settimana fa, l’amministratore delegato di PayPal, Dan Schulman, si è fermato presso gli uffici di Fortune per incontrare diversi giornalisti ed editori.

Nel corso dell’intervista, Dan Schulman ha discusso in merito a diversi argomenti, compreso il motivo del ritiro di PayPal dalla Libra Association e se avesse mai acquistato qualche criptovaluta.

Essendo PayPal, la prima associazione ad aver abbandonato la Libra Association, una delle domande su cui si è soffermata Fortune è stata la seguente:

🔎 Perché PayPal ha lasciato la Libra Association?

Il CEO di PayPal si è espresso in maniera molto chiara sulla sua decisione, dichiarando:


Sai, pensiamo che se ci concentrassimo sulla nostra tabella di marcia, saremmo in grado di far progredire l’inclusione finanziaria più velocemente che se mettessimo tutte queste risorse contro la Libra.

Schulman non esclude definitivamente una futura collaborazione con Libra, visto il forte interesse nei confronti del progetto, e aspetta che il progetto Libra diventi più stabile per dargli un’altra opportunità.

PayPal, inoltre, dichiarò che avrebbe continuato a sostenere gli obiettivi di Libra e che non avrebbe interrotto il dialogo tra le due società.

Per approfondimenti:
📰 PayPal pianta in asso il progetto Libra 😱

💡 PayPal e la tecnologia blockchain

Il 7 maggio, il CFO di PayPal, John Rainey, ha dichiarato che la società ha team che lavorano in blockchain e criptovalute e che vogliono partecipare a tale tecnologia in qualunque forma assumerà in futuro.

Nell’intervista di Fortune, Schulman si è dimostrato poco intenzionato a fornire dettagli sui futuri progetti di PayPal e si è soffermato nel specificare che non saranno “necessariamente in competizione con il progetto Libra”, aggiungendo:

Pensiamo che ci siano molte possibilità per la blockchain. La troviamo intrigante, ma è necessario che faccia qualcosa che le tecnologie tradizionali non sono in grado di fare. Molte persone credono che la blockchain permetta di migliorare l’efficienza, ma i sistemi tradizionali odierni sono già abbastanza efficienti.

Inoltre ha espresso le sue preoccupazioni nei confronti delle criptovalute, visto il prezzo volatile e la scarsa richiesta da parte dei commercianti, visto che i trader operano con margini molto piccoli. Esprimendo così il suo parere:

Fino a quando non diverranno meno volatili, non potranno essere ampiamente accettate e utilizzate dai commercianti online. E non parlo del dark web, ma del normale web.

Gli è poi stato chiesto, durante l’intervista, se egli stesso possedesse delle criptovalute.
Schulman ha risposto in maniera breve e decisa:

Sì, Bitcoin. […] Solo.

Fonte: cointelegraph

Potrebbero interessarti anche:

Manuele Del Cuoco

http://www.manueledelcuoco.it

Imprenditore Digitale - Graphic Designer - Marketer 🚀 Classe 1999 - Dal 2016 nel mondo del Web Marketing: prima come social media marketer, poi come grafico pubblicitario, riprendendo una passione coltivata fin da piccolo. Attualmente, insieme a due strepitosi soci, porta avanti l'agenzia di Marketing & Comunicazione più Creativa che c'è: BRANDBOX 🔶

0 Recensioni

Scrivi una Recensione

Post Correllati

Lascia un Commento