Anche l’Europa ha paura di Libra: ecco l’alternativa! 💡

 Anche l’Europa ha paura di Libra: ecco l’alternativa! 💡

Anche dopo l’uscita di scena di alcuni colossi dal progetto Libra, la criptovaluta di Facebook fa ancora paura!

Data la molta diffidenza nei confronti del progetto Libra, gran parte dei governi sta iniziando a regolamentarsi nei confronti di questa nuova criptovaluta, prevista per il 2020!

Reuters, nota testata giornalistica britannica, ha potuto dare un’occhiata alla bozza di un testo europeo in cui l’Europa potrebbe anche prevedere una criptovaluta tutta sua per contrastare Libra.

Dati tutti i benefici che avrebbe potuto portare Libra nel mercato dei servizi di pagamento, a fine agosto 2019 era comparso un documento dell’Antitrust europeo in cui si metteva sotto esame Libra in merito ai potenziali comportamenti anti-competitivi della criptovaluta.

La paura nasce soprattutto a causa del fatto che Libra potrebbe facilmente prendere il monopolio del mercato dei servizi di pagamento, grazie al potenziale di 2,4 miliardi di utenti Facebook!

(Libra Association – Fonte: IlPost)

Inizialmente, la Libra Association, era composta da 28 soci, ma con l’accrescere dei dubbi e delle perplessità, molti dei pezzi più importanti si sono distaccati!

Per approfondimenti:
📰 Sconfitti in partenza? Libra perde altri 3 colossi! 😱

Libra sarà una stablecoin, ovvero un tipo di moneta digitale collegata ad asset stabili.
Le stablecoin sono solitamente supportate dalla moneta tradizionale e da altri titoli, mentre le monete criptate come le bitcoin non lo sono. Entrambe però sono valute crittografiche.

🔎 L’Europa vuole coniare la sua criptomoneta?

Nella sua forma attuale, il documento redatto dalla presidenza UE finlandese intensificherebbe una campagna di regolamentazione dell’UE sulle criptovalute, che finora sono state regolamentate solo in parte in alcuni Stati membri dell’UE.

Nel progetto è possibile leggere anche:

La BCE e altre banche centrali dell’UE potrebbero utilmente esplorare le opportunità e le sfide dell’emissione di valute digitali da parte delle banche centrali, anche prendendo in considerazione misure concrete a tal fine.

C’è anche l’intenzione da parte dell’Europa dell’emissione di una criptovaluta pubblica regolamentata dall’Unione.

Un funzionario della BCE ha dichiarato che, nella sua versione più ambiziosa, il progetto potrebbe consentire ai consumatori di utilizzare il contante elettronico, che sarà depositato direttamente presso la BCE, senza bisogno di conti bancari o intermediari finanziari.

Questo però creerebbe notevoli disagi nel sistema bancario ed è un progetto di difficile applicazione in tempi brevi.

Fonte: dday

Potrebbero interessarti anche:

Manuele Del Cuoco

http://www.manueledelcuoco.it

Imprenditore Digitale - Graphic Designer - Marketer 🚀 Classe 1999 - Dal 2016 nel mondo del Web Marketing: prima come social media marketer, poi come grafico pubblicitario, riprendendo una passione coltivata fin da piccolo. Attualmente, insieme a due strepitosi soci, porta avanti l'agenzia di Marketing & Comunicazione più Creativa che c'è: BRANDBOX 🔶

Lascia una recensione

0
SUPERB!

0 Recensioni

0
(0)
0 Voti

Scrivi una Recensione

Post Correllati

Lascia un Commento